Investimenti immobiliari: le tendenze | Sobim Servizi Immobiliari

I DESIDERI TROVANO CASA

Investimenti immobiliari: le tendenze

Nel primo semestre 2020 le compravendite immobiliari hanno subito un calo di oltre il 20%, certamente un duro colpo al settore immobiliare, che però nonostante la pandemia da Covid-19 (di cui stiamo affrontando in pieno la seconda ondata) non affonda ma sta sicuramente cambiando.

Sono mutate le scelte e le esigenze di chi cerca una casa, scelte sempre più orientate all’acquisto di case in campagna o comunque in zone poste fuori dai grandi centri abitati.
Chi compra, oggi, desidera ampi spazi nei quali ricavare angoli e nicchie con la privacy come parola d’ordine. E proprio per il grande bisogno di privacy di questi tempi tormentati sono aumentate enormemente le richieste per soluzioni indipendenti, prediligendo l’hinterland di Città Metropolitane come Milano, Firenze, Torino.

Un forte balzo in alto delle richieste, quasi fino al 30%, si sta registrando negli investimenti per le case vacanza, a sfavore degli immobili da mettere a reddito che sono calati al 16,8%.

Tutto ciò a fronte di un calo di circa l’1% dei prezzi nelle grandi città, dunque tutto sommato piuttosto contenuto. Un calo che comunque arriva dopo quasi 3 anni di stabilità.
C’è comunque da segnalare il calo più marcato del costo del mattone a Genova, con il -4,4%. In controtendenza invece Milano, dove i prezzi sono saliti del 2%, e Verona con un aumento dello 0,4%. Anche in questi contesti sono penalizzate le zone centrali e periferiche, a vantaggio dei quartieri semicentrali che registrano aumenti più importanti.

Uno degli indicatori più significativi è il tempo di vendita, che contrariamente a quanto previsto si è ridotto in tutta Italia rispetto al 2019, nonostante il momentaneo nuovo rallentamento dovuto ai parziali lockdown di queste settimane.

© 2020, SOBIM. RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
CONTENUTO PROTETTO DA COPYRIGHT SOBIM